Chi siamo

L'associazione Centro Studi Interdisciplinare Metamorfosi dei Lumi si è costituita con atto notarile il 27 ottobre 2007; ha sede presso il Dipartimento di Studi Umanistici dell'Università di Torino, via San Ottavio, 20, V piano, ufficializzando così un percorso di ricerca attivo dal 1995.
Oltre a quello del Dipartimento di Studi Umanistici, il Centro ha il patrocinio dei seguenti Dipartimenti: Filosofia e Scienze dell'Educazione; Lingue e le Letterature Straniere e Culture Moderne; Studi Storici.


Soci fondatori:
Aschieri Elena; Battaglia Annamaria; Carpentari Simone in Messina; Cerruti Marco; Di Benedetto Arnaldo; Ferreccio Giuliana; Mattioda Enrico; Ponzetto Valentina ; Proglio Wilma; Ramacciotti Valeria; Sandrin Chiara; Spadaro Marina; Sozzi Lionello; Trivero Paola.


Organi sociali:

Presidente: Chiara Sandrin (Università di Torino);Vice-presidente:Simone Carpentari Messina (Università Lyon2);Tesoriere: Valeria Ramacciotti (Università di Torino);Segretario: Marco Menin (Università di Torino)

Direttivo: Clara Leri (Università di Torino); Germana Pareti (Università di Torino); Chiara Righero (Università di Torino); Paola Trivero (Università di Torino).

In conformità con le finalità definite dal suo statuto, il Centro Studi Interdisciplinare Metamorfosi dei Lumi persegue esclusivamente finalità culturali di studio e di ricerca.

Dal punto di vista metodologico, il Centro Studi Metamorfosi dei Lumi promuove la collaborazione di ricercatori di aree disciplinari differenti e di diversi campi culturali (storico, letterario, filosofico, artistico, religioso, giuridico, scientifico, etc.). Partecipano docenti e dottorandi di discipline e dipartimenti universitari dell'Università di Torino, noti studiosi italiani e stranieri nonché singoli ricercatori, specializzati negli studi sul Settecento e primo Ottocento.

Il Centro Studi si propone di estendere la conoscenza del complesso periodo che va dalla fine del Settecento ai primi decenni dell'Ottocento in Europa, il cosiddetto tournant des Lumières (1780 - 1820 circa) che, per la sua estensione e complessità, sfugge all'indagine del singolo ricercatore ma che può, invece, essere affrontato in maniera incisiva e sistematica da una équipe organizzata.

Le ricerche condotte sinora sulle modalità dell'evoluzione culturale europea tra illuminismo e modernità, hanno progredito con un approccio per filoni tematici, scandito dagli anni di durata del lavoro collettivo. Sono stati individuati argomenti trasversali alle diverse discipline, sui quali si è focalizzata di volta in volta l'analisi delle rotture e/o continuità, dei fenomeni di 'rifrazione' che inducono le 'metamorfosi' culturali (vedi pubblicazioni). Il Centro Studi interdisciplinare Metamorfosi dei Lumi si propone di estendere queste ricerche.

Il Centro Studi Interdisciplinare Metamorfosi dei Lumi si prefigge inoltre un'ampia riflessione sulle modalità del fluire dei modelli di cultura e di civiltà e sull'attuazione delle svolte culturali. L'indagine sulla svolta epocale della fine del Settecento, là dove nasce la modernità, offre strumenti intellettuali suscettibili di applicazione anche in una prospettiva di attualità.

Il Centro programma ricerche, seminari, conferenze; organizza e potenzia gli scambi in ambito nazionale e internazionale; i risultati di quest'attività si concretizzano in pubblicazioni scientifiche.